Il buncheong , o punch’ong ( 분청 ? , 粉 靑? ), È una forma di ceramica coreana tradizionale in grès.

Sobrietà e spontaneità

Le ceramiche buncheong offre l’occasione di certa spontaneità e manifesta l’originalità del creatore con mezzi di una grandissima sobrietà. Infatti, è solo un ingobbio bianco (sotto vetrina) apposto con il pennello o per bagnatura e lascia il grès in parte scoperto. La sua piastrella ceramica, al momento della decorazione, e motivi decorativi sono sia dipinti con l’aiuto di un pigmento bruno ferro, sia incisi ed infine dipinti il ​​suo fondo incavato ( champlevé ) o scolpito [1] . Il che permette effetti naturali nel movimento del pennello, nella colatura dell’ingobbio e nella velocità del tracciato. Le zone dell’ingobbio alla fine tolte con cura ( champlevé, “Scolpite” o grattate) non sono mai stato così difficile da interpretare / spontaneità che fanno ancora il loro successo. Lo stile appare all’inizio della dinastia Joseon nel XV secolo, in gran parte a sostegno del celadon nell’uso comune. Corrisponde bene questa dinastia, fondata da un potente gruppo di letterati ed eruditi della sfera confuciana, guidati da princìpi di austerità e di sobrietà [2] . Questa pratica scompare pressoché interamente dopo il XVI secolo, dopo le invasioni del 1592-1597, nel corso delle quali molti forni erano distrutti e vasai deportati in Giappone [3] .

Decori stampati

Ecco la forma più curnte per la ceramica da punch . Il materiale di base è una terra di grigio carbone, la cotta dà una gres molto resistente. I decori possono essere variati attraverso la molteplicità di tamponi che si prestano allo stampaggio incavografico, e alle loro connessioni. Il motivo «tenda di corda» con crisantemi (al centro della tazza [4]) è spesso spesso. La decorazione è stampata fermamente in incavo sul corpo della ceramica. I miei tamponi non si lasciano qui, che piccoli coni un rilievo. Sono usati anche motivi floreali, come i crisantemi, o motivi geometrici. Poi gli incavi sono riempiti di barbottina. Insomma, quando la barbottina è stata raschiata troppo, ti do una prima cottura, è applicata una vetrina trasparente o piccola colorata e tazza ripassata nel forno. Questo tipo di ceramica è chiamata in Giappone mishima .

  • Tazza in grès con decoro con l’ingobbio sotto vetrina grigio-verdastra. Ceramica di tipo punch’ong , D. 18 cm. Joseon Dynasty, XV secolo. British Museum

  • Piatto. Decoro stampato, barbottina bianca su grès con vetrina trasparente [5]. Ceramica di tipo buncheong , D. 16,5 cm. XV secolo. British Museum

  • Tazza da tè punch’ongcon decoro di corde e chrysanthemum, stampato sotto coperta celadon. Periodo Joseon, XVI secolo?

  • Tazza e coperchio. Periodo Joseon, 1400 – 1500. Ceramica di tipo buncheong . Premio del Museo Nazionale della Corea. British Museum

I decori dipinti o bagnati

I decori dipinti sono fatti con l’ossido di ferro bruno è un fondo di barbottina bianca e, il tutto, con un rapido gesto del pennello. L’assenza di decorazione ha un valore estetico forte, quando l’ingobbio è passato con un grande piacere di pennello o semplicemente per bagnatura nella barbottina bianca. QUESTI ULTIMI Sono Tipi Di Chiamati ceramica in Giappone hakeme , per designare QUESTE ceramiche coreane, divenute Hagi-yaki Nella Loro parte da interpretazione dei ceramisti Giapponesi.

La Presenza di QUESTI forzata vasai coreani in Giappone Sviluppo della Permesso ha l’Associata alla ceramica cerimonia di tè (in Particolare stipite hagi-yaki ) in Giappone [6] . I Primi grès andato sarebbero STATI, Secondo tradizione uno giapponese, realizzati in Giappone Dai Vasai coreani ALL’INIZIO del XVII Secolo, servendo da modello ai di grès di Giapponesi tipo Hagi .

Nota

  1. La Terre Le Feu L’Esprit, 2016 , pp. 109 e 120
  2. ^ Im Jin A in: La Terre Le Feu L’Esprit, 2016 , p. 109.
  3. FR ) Francis Macouin, La Corée du Choson: 1392 – 1896 , Les Belles Lettres, 2009, 240 p., Pp. 170-171, ISBN  978-2-251-41043-2 .
  4. Questa tazza sul sito del British Museum
  5. Questo piatto sul sito del British Museum che in questa fotografia presenta una vetrina trasparente, mentre sembra, sotto la luce della vetrina, più verdastro.
  6. Importanza di vasai coreani per lo sviluppo della ceramica giapponese nel XVII secolo
  7. ^ L’applicazione audace di ingobbio bianco offre una maggiore libertà all’applicazione della decorazione dipinta. I grès dipinti usciti dai forni del Monte Gyeryong nella provincia di Chungcheongnam-do sono tra le prime ceramiche buncheongche vi sono state prodotte. Intorno al 1500, questi forni se volsero contro il trucco della porcellana.
  8. ^ Queste ceramiche dipinte sono state prodotte nei forni dei monti Kyeryong vicino a Taejon, nel provincia di Chungchongnam-do. Questi erano tra quelle ultime a produrre ceramiche puncheong , prima che io forni se siano tutti volti verso il trucco della porcellana, attorno al 1500.
  9. Sito del Museo della ceramica orientale a Osaka
  10. ^ CNN Go Seoul migliori musei 27 ottobre 2011, consultazione il 4 novembre 2011